Forio d'Ischia

Dopo Ischia Ponte, il comune di Forio è il più vasto comune dell’isola (sia per estensione che per popolazione).Le sue bellezze naturali e storiche attirano migliaia di turisti ogni anno. Il monumento simbolo di qusto comune è indubbiamente la Chiesa del Soccorso: costruita a picco sul mare, fungeva da faro per i marinai locali grazie al suo colore bianco, che ancora oggi le conferisce l’unicità e il fascino che la eleggono location perfetta per la celebrazione di funzioni religiose ed eventi speciali. Il centro storico, con i suoi caratteristici vicoli stretti e torrette di avvistamento, è estremamente suggestivo; qui si può ammirare il Torrione, che domina con la sua mole il lungomare foriano, e molte chiese quali San Vito e San Francesco di Paola.

Forio è stata per un lungo periodo anche uno dei centri culturali più importanti di Ischia: il centralissimo Bar Maria è stato infatti frequentato da intellettuali del calibro di Pablo Neruda, Pier Paolo Pasolini, Alberto Moravia e sir William Walton. Quest’ultimo ha donato a Forio i celeberrimi Giardini La Mortella, un grande e meraviglioso parco all’interno del quale si possono ammirare varietà vegetali provenienti da ogni angolo del mondo: un vero e proprio tesoro dal valore inestimabile! L’insenatura di Sorgeto, con le sue saune e vapori naturali, è un vero parco termale naturale (e quindi gratuito) a cielo aperto; raggiungibile dal mare oppure via terra, attraversando la frazione foriana di Panza, da Sorgeto è possibile godere dei più bei tramonti immaginabili mentre ci si gode in pieno relax il sollievo delle vasche calde-fredde che la Natura ha donato a questo luogo incantato. Anche la spiaggia di Citara è unica nel suo genere: la spiaggia dalla temperatura particolarmente alta può addirittura consentire agli amanti della tradizione locale, di cuocervi della gustosa carne di pollo!