Pineta di Fiaiano

La positiva riqualificazione del terreno, in seguito all’eruzione del 1302, fu fatta dal botanico della Corte borbonica Giovanni Gussone nel 1850, con la piantumazione di nuovi pini all’interno di quella che un tempo era un’unica pineta nel cuore del comune di Ischia. Due anni dopo, nel 1852, sulla bocca del Cratere dell’Arso, il nobile napoletano Carlo Maria Santucci De Magistris ne seguì l’esempio dando vita alla rigogliosa Pineta di Fiaiano. Nella Pineta, la più grande dell’isola ‘Ischia con i suoi otto ettari, i pini sono stati distribuiti in modo da favorire la crescita del sottobosco: mirti, ginestre, eriche e tante altre piante tipiche della vegetazione mediterranea ne fanno da padrona, inebriando l’aria dei loro profumi e colori. La vista su Procida, Vivara e il Castello aragonese da qui su, è davvero incantevole. La pineta offre una buona occasione per immergersi nella natura e godere dell’aria fresca con tutta la famiglia non solo grazie all’area giochi per bambini attrezzata proprio all’ingresso, ma soprattutto grazie alla presenza di un parco avventura, l’“Indiana Park” dove divertirsi tra i percorsi acrobatici, in tutta sicurezza, sia per grandi sia per piccini.